giovedì 30 maggio 2013

Chiariamoci: mi meraviglio....ma non sempre! Dalla televisione italiana a quella australiana!

Se c’è una cosa che proprio non mi manca qui è la televisione italiana, anche se poi in Italia non la guardavo poi molto. C’è un aspetto della televisione italiana, nello specifico, che non mi manca per niente: le pubblicità.

Qualcuno ci avrà fatto caso sicuramente: si tratta della personificazione dei prodotti che nelle pubblicità, a fini commerciali e comunicativi, assumono le sembianze di essere umani dotati di parola: dalla carie, alla polvere, passando per il biscotto. Fino a qualche settimana sarei stata in grado di fare almeno 6 o 7 esempi su due piedi, ma si vede che nell’ultimo mese mi sono disintossicata. Ma ho notato che qui non è frequente trovarne una, io non ne ho beccata ancora nessuna. Molto in voga invece sono le pubblicità delle insurance, anche quelle relative alla morte. Così qualche giorno fa, rilassata, si fa per dire perché devo concentrarmi anche per rilassarmi davanti alla tv!!!, improvvisamente la mia attenzione viene catturata da queste due signore che rivolte alla telecamera, come in un’intervista, dicono qualcosa. Mi sembrava l’inizio di uno show, in realtà poi capisco che sono una madre e una figlia che raccontano di come sia stato facile e rassicurante gestire il funerale del loro congiunto, marito dell’una e padre dell’altra. Erano assolutamente provate dal racconto che facevano ma rasserenate dalla buona esperienza avuta con questa compagnia di assicurazione, con la quale il deceduto Mr. aveva saggiamente stipulato un accordo. Bè, che dire, mi sono meravigliata, ma neanche tanto visto che anche qui la televisione ha le sue stranezze.
Esiste uno show molto seguito che va in onda verso le 12.30 che se non mi sbaglio si chiama Dr. Phil. Lui è uno psichiatra e ospita in studio casi di famiglie disperate facendo da “mezzano” per trovare soluzioni che possano andare bene a tutti. Memorabile il caso della 17enne figona incoraggiata dalla madre a svolgere la professione di attrice hard perché in grado di mettere da parte un bel po’ di soldi per aiutare la famiglia. La ragazza era a metà strada tra la santa e la zoccola, la madre invece non capiva come mai il marito fosse così contrariato se il fine era nobile. Insomma, credo che dr. Phil abbia faticato un bel po’, e dico credo perché ero arrivata da soli 3 giorni e non capivo moltissimo, ma l’ho visto urlare verso la madre ad un certo punto. Il linguaggio non verbale è molto più conciso di mille parole!

Una cosa carina della televisione australiana è che qui vedo tutti quei programmi carini che vedevo su sky, come A caccia di tesori che qui si chiama American Pickers, o quello ambientato nel negozio di pegni a Las Vegas che qui si chiama Pawn Stars! E mi piacciono anche le pubblicità progresso, molto più belle di quelle pappe pallose mandate in onda in Italia solo per metterti l’angoscia e lavarsi la coscienza. Ce n’è una che ha a che fare con la campagna antifumo ( e su questo avrei molto da dire!) e nello specifico è rivolta alle donne in gravidanza o a quelle che stanno programmando di avere un bambino e vorrebbero smettere di fumare. È semplice ma fatta bene!
Un’altra molto carina che ho beccato ieri facendo zapping è quella contro il bullismo a scuola. Allora si vede questo ragazzino con i capelli rossi che durante l’ora della ricreazione è insultato da un gruppetto di ragazzini e ragazzine di varie nazionalità ( e questo l’ho notato subito!) e il messaggio invita il telespettatore a denunciare i casi di bullismo diventando così un Bully Stopper!
Ce n’è per tutti qui…davvero!
Per tornare alla campagna antifumo….ecco…ci sono e ne parlo!
Quando ero ancora in Italia mi avevano detto che l’Australia è molto attiva nella campagna antifumo e che le sigarette costano un botto. Ma nessuno mi aveva spiegato in cosa consistesse realmente questa campagna antifumo. Il costo elevato è l’ultima delle cose, perché a ben vedere è tutto proporzionato. Il cuore della campagna risiede innanzitutto nel divieto di esporre le sigarette in bacheche visibili ai clienti. Perciò, entrando in un negozio, IGA o 7eleven per dirne un paio molto diffusi, cercherete le sigarette ma non le troverete perché sono conservate in scaffali chiusi a chiave dietro la cassa su cui campeggia la scritta SMOKE KILLS. Quando chiedete le sigarette, la signorina di turno aprirà questo scaffale e voi subito noterete che non c’è distinzione di colori.
Precisiamo: esistono vari brand, ma i pacchetti sono tutti uguali, cioè grigi e recano una foto al centro e la scritta in piccolo in basso vi dice il nome e la qualità, per ipotesi Choice (che è il nome delle sigarette) e original blue, o full red o ancora rich gold. È possibile comprare pacchi da 20, 25 o 40. Io ho subito notato come non ci siano pacchi da 10 e questo mi ha posto molti interrogativi sulla convinzione di questa campagna antifumo! Discorso a parte meritano le foto utilizzate per riempire lo spazio centrale. Vanno dall’istantanea di un tumore alla bocca o di un polmone con enfisema, che sono le più carine, facilmente confondibili con qualcos’altro, a foto di piedi in gangrena o, la più triste e disgustosa, la foto di Brian. Mi sono molto rattristata per Brian che è morto a soli 38 anni per un tumore ai polmoni, ma nel mezzo del pacco da 40 di Choice full red c’è la sua foto su letto di morte e in piccolo, vicino, un’altra sua foto scatta 47 giorni prima che morisse. Ecco, mi è sembrato semplicemente di cattivo gusto. Sul retro del pacchetto c’è il sunto della sua storia, che a quanto si legge, è stato lo stesso Brian a voler inserire sui pacchi di sigarette.

Questi sono gli estremismi a cui non siamo abituati ma che fanno anche riflettere sugli infiniti modi di gestire la comunicazione sociale nei differenti paesi del mondo.


Va bene, mi sono dilungata più del dovuto oggi! Ma avevo tutte queste cose qui, calde calde e non vedevo l’ora di scriverle!!!

1 commento:

  1. Una italiana in Australia31 maggio 2013 06:49

    Sorry, in realtà Brian è morto a 34 anni.

    RispondiElimina